GUIDA ALL'ACQUISTO DEI TUOI ATTREZZI SPORTIVI
Dynafit
OUTDOORTEST
Zaino Salewa Mountain Trainer 25 L
Zaino Salewa Mountain Trainer 25 L
Zaino Salewa Mountain Trainer 25 L, vista dello schienale
Zaino Salewa Mountain Trainer 25 L, vista dello schienale
Zaino Salewa Mountain Trainer 25 L, versione Blu
Zaino Salewa Mountain Trainer 25 L, versione Blu
Sacca principale e tasca a zip superiore
Vista superiore del Salewa MTN Trainer 25
Tasca elastica laterale di facile accesso
Tasca laterale elastica con inclinazione verso lo schienale
Tasca inferiore per il Raincover
Taschina inferiore per il coprizaino (raincover)
Spallacci aperti e fascia iliaca
Sistema di fissaggio e regolazione del Salewa MTN Trainer 25

Salewa MTN Trainer 25 Zaino da escursionismo 2019

Leggero nel peso e nella vestibilità: permette una buona traspirazione dagli spallacci e dallo schienale

Sintesi

 Salewa MTN Trainer 25 è un concentrato di tecnologia che pone attenzione sia al peso che alla stabilità dello zaino durante il cammino. Il tutto garantisce stabilità, traspirabilità e comodità d’uso anche per escursioni veloci e dinamiche.

Riccardo Pizzetti, fisioterapista

Testato da:

Riccardo Pizzetti

il 03/10/2018 a Dolomiti Paganella

85/100

Risultati

Materiali
Peso
Comfort
Accesso
Stabilità in cammino
Comfort in azione
Impermeabilità
Voto totale 85
Dati test
Data inizio : 03/10/2018 Data fine : 18/11/2018
Campo test : Sentieri di montagna
Descrizione terreno : Terreno variabile: terra, rocce, erba
Meteo : Sole, Pioggia Temperatura aria : 13° - 20°
Scopri di più sulle nostre recensioni

Scheda tecnica

Peso (gr)
933
Misure
55x18x29cm
Sistema antisudore
Contact-Flow Fit
Materiale
Honeycomb Superlight / 100Dx280D Nylon Twill
Volume
25L

Le nostre valutazioni

Il nuovo zaino Salewa MTN Trainer 25 è semplice e leggero: è stato infatti ideato per escursioni veloci (speed hiking), trekking giornalieri e trail running.

Vista la destinazione d’uso, questo zaino è stato realizzato con un litraggio di 25 litri: una capacità ideale e abbondantemente comoda per le escursioni di breve durata. Ciò che mi aspetto dai test sul campo sono leggerezza e stabilità.

Gli spallacci “aperti” sono la prima delle caratteristiche che mi hanno colpito del Salewa MTN Trainer 25: hanno una forma ergonomica/sagomata, più stretta superiormente e più larga in basso.

Lo schienale è anch’esso uno degli elementi caratteristici di questo zaino: realizzato con due inserti in EVA, ricoperti da una retina, in corrispondenza dei muscoli paravertebrali (dove lo zaino appoggia alla schiena). I due inserti in EVA, osservati nel dettaglio, presentano numerose fenestrature che potrebbero essere utili nel far circolare l’aria sullo schienale. La porzione centrale dello schienale è rivestita invece da un tessuto simil-plastico al tatto: è parte integrante, insieme agli inserti in EVA, del nuovissimo sistema Contact Flow Fit.

Il sistema Contact Flow Fit è in attesa di brevetto e, stando alle dichiarazioni dell’azienda, promette di riuscire a migliorare la ventilazione dello schienale riducendo la temperatura di questa zona. Sono stati eseguiti degli studi tramite termografia che attestano la riduzione di 1,6° in corrispondenza dello schienale dopo 15′ di attività rispetto ad altre tecnologie sempre di Salewa. Il dato numerico può sembrare “ridicolo” se non analizzato attentamente: una minor temperatura, per un lungo periodo di attività, si può tradurre in un risparmio energetico considerevole da parte del nostro corpo per le attività di termoregolazione. Altro fattore molto importante di questo nuovo sistema è che la riduzione di temperatura viene raggiunta senza allontanare lo zaino dal baricentro corporeo: questo è di notevole importanza dal punto di vista biomeccanico per la nostra colonna che è sovraccaricata quando indossiamo uno zaino, sopratutto per chi soffre di lombalgia.

In associazione allo schienale innovativo, troviamo un sistema di regolazione del carico tramite fibbia e cinghia sia a livello pettorale, sia del bacino. Allo stesso modo degli spallacci, anche la cintura lombare è “aperta” per favorire una maggior dispersione di calore. In aggiunta, sulla fascia iliaca di sinistra, troviamo una taschina con zip in cui riporre oggetti di valore che devono essere facilmente accessibili durante l’attività.

Analizzando gli spazi del Salewa MTN Trainer 25 troviamo solo una piccola tasca superiore esterna e uno scomparto principale, con al suo interno un divisorio in tessuto per la sacca idrica (con relativo foro di uscita per il tubo e sistema di fissaggio sugli spallacci) o altri oggetti da fissare nella porzione dorsale. La chiusura dello scomparto principale è regolata da una zip a doppio cursore che viene poi coadiuvata, nella regolazione e centratura del contenuto, dal Twin Compression System: una clip esterna che permette di mettere in tensione due fettucce che comprimono la parte superiore dello zaino.

Lateralmente troviamo due tasche esterne, in tessuto elastico, con l’inclinazione del margine superiore verso il dorso dell’utilizzatore: questo dovrebbe permetterne un facile accesso anche in cammino e senza togliere lo zaino.

Sulla facciata anteriore della sacca, esternamente, troviamo una Daisy Chain e più in basso due anelli elastici, e uno non per il trasporto di bastoncini da usare in associazione con le fettucce del Twin Compression System.

Nella superficie inferiore del Salewa MTN Trainer 25 troviamo infine una piccola tasca contenente il copri-zaino, o rain cover, fissato allo zaino stesso tramite un velcro (quindi staccabile per l’asciugatura).

Lo zaino Salewa MTN Trainer 25 si è rivelato essere un ottimo compagno per le escursioni giornaliere, dinamiche e veloci, ma anche per lunghe distanze.

Il nuovo sistema di ventilazione per lo schienale, il Contact Flow Fit, è veramente valido soprattutto se preso in considerazione con gli spallacci aperti. La differenza di 1,6°C dichiarata da Salewa dopo la termografia ovviamente non è percepibile in modo soggettivo ma il risultato finale è quello che conta: durante le diverse escursioni in cui ho testato questo zaino ho riscontrato un notevole beneficio in termini di ventilazione e ridotta sudorazione a carico della schiena e delle spalle.

In particolar modo credo sia doveroso sottolineare la funzionalità degli spallacci aperti, soprattutto per chi tende ad avere una sudorazione importante come il sottoscritto. Lo spallaccio aperto ha permesso di ridurre drasticamente il livello di sudorazione a carico delle spalle senza perdere nulla in termini di ammortizzazione del carico: durante l’uso del Salewa MTN Trainer 25 a pieno carico, anche indossando solo una t-shirt estiva, non ho avvertito punti di compressione fastidiosi nonostante lo spessore dei tessuti adottati sia decisamente contenuto.

Il taglio ergonomico degli spallacci permette una buona libertà di movimento anche se usiamo lo zaino indossando dei capi invernali più ingombranti: un ulteriore vantaggio dello spallaccio aperto è infatti che i margini mediale e laterale sono più flessibili e indipendenti l’uno dall’altro favorendo una maggior libertà di movimento della spalla, soprattutto usando bastoni da trekking/nordic walking/trail running.

Le cinghie di compressione, in associazione agli spallacci ergonomici, sono valide per la regolazione e stabilizzazione dello zaino durante il cammino. La clip a livello pettorale non è dotata di un fischietto di sicurezza ma è da apprezzare l’associazione della fettuccia rigida a un anello di tessuto elastico che permette di dissipare parzialmente la tensione evitando così fastidiosi aumenti di compressione durante l’attività, soprattutto con zaino carico.

La regolazione della cinghia a livello del bacino è bilaterale: questo accorgimento permette di regolare non solo la compressione della cinghia ma anche di adattare al massimo la vestibilità dello zaino alla conformazione dell’utilizzatore, soprattutto per quanto riguarda la centratura dello zaino sulla nostra schiena.

Sempre a proposito della cinghia a livello iliaco, sulla fascia di destra troviamo una piccola taschina: la capienza non è molta ma sufficiente a contenere oggetti di valore anche se l’assenza di una adeguata imbottitura deve richiedere una maggior attenzione nel caso in cui si toglie lo zaino. La taschina è collegata alla cinghia di regolazione da una parte con un anello in plastica non rimovibile/apribile, dall’altra parte tramite due piccoli bottoncini a clip che permettono di staccare solo parzialmente la tasca dalla cinghia. Unica possibile funzionalità che potrebbe avere questo meccanismo (che non prevede il distacco totale della tasca dalla cinghia) è facilitare l’accesso alla tasca.

La sacca del Salewa MTN Trainer 25 è risultata piuttosto capiente e facile da organizzare nonostante sia prevista solo un’apertura superiore: per uno zaino da 25L non è indispensabile avere un accesso frontale, anche se fa sempre comodo.

All’interno dello zaino è possibile organizzare il sistema di idratazione appendendo la sacca idrica a un anello in velcro e inserendola nell’apposito divisorio a contatto con lo schienale. Il passaggio di uscita per il tubo di idratazione è centrale e questo permette di decidere se portarlo alla propria destra o sinistra a seconda di come si è più comodi: per poter fissare il tubo, troviamo sugli spallacci degli elastici superiormente, e delle asole rigide più inferiormente per la porzione terminale del tubo. A mio avviso questo è un sistema semplice e funzionale, sicuramente non prevede la protezione del tubo dal freddo e dal rischio che si geli il liquido al suo interno ma, essendo il Salewa MTN Trainer 25 uno zaino pensato per trekking ed escursionismo, difficilmente si incontreranno tali problemi.

Testando la stabilità del Salewa MTN Trainer 25, dando per scontata una corretta organizzazione e distribuzione del materiale nella sacca, ho trovato che è uno zaino molto stabile e leggero nella sua vestibilità: il fatto che sia stato ideato un sistema di ventilazione prestando attenzione a non allontanare lo zaino dalla nostra schiena è certamente un elemento positivo a tenstimonianza della qualità di questo prodotto, al di là dei materiali impiegati che sin dal primo impatto sono sembrati leggeri ma al tempo stesso robusti.

Il sistema Twin Compression infine mi è sembrato molto utile e pratico, soprattutto per quanto riguarda il compattare la sacca ed evitare che il carico si allontani dallo schienale durante l’attività.

Il fatto che il Twin Compressione System sia coinvolto nel fissare i bastoni, insieme agli anelli posteriori, l’ho trovato meno pratico… soprattutto se pensiamo che per accedere alla sacca principale è necessario aprire la clip superiore con il conseguente rischio che i bastoni cadano e debbano essere riposizionati ogni volta.

Un ulteriore nota positiva in merito al Salewa MTN Trainer 25 è rivolta alle tasche laterali: il taglio in diagonale verso lo schienale e la posizione di queste tasche è veramente ottimale e le rende facilmente accessibili anche mentre si cammina, senza rimuovere lo zaino dalle spalle.

 

LEGGI TUTTO
Salewa MTN Trainer 25 con Dolomiti di brenta sullo sfondo Twin Compression System sullo zaino Salewa MTN Trainer 25 Schienale Contact Flow Fit in EVA espansa Salewa MTN Trainer 25 indossato

Destinazione e consigli d'uso

Considerando il litraggio di questo zaino mi sentirei di sconsigliarlo a chi pratica Trail running (visto che tra le destinazioni d’uso dell’azienda rientra anche la corsa in montagna).

Tuttavia, vista le caratteristiche di compattezza, leggerezza e stabilità del Salewa MTN Trainer 25, direi che la sua destinazione d’uso è sicuramente il trekking e l’hiking giornaliero, rapido e leggero.

La colorazione presa in esame per questo test è un giallo molto acceso: questo lo rende meno congeniale all’uso in città anche se devo dire che il suo divisorio interno si è rivelato essere comodo per fissare anche un pc fino a 15″.

LEGGI TUTTO
Marca Salewa
Modello: MTN Trainer 25
Attività: Escursionismo, Trekking
Utilizzatore:

Tutti

 
Anno: 2019
Prezzo: 130.00 €

Dice l'azienda

Realizzato in nylon twill 100Dx280D, lo zaino MTN TRAINER 25 è progettato per escursioni giornaliere e via ferrate. Il suo sistema di trasporto CONTACT FLOW FIT, in attesa di brevetto, mantiene il carico vicino al corpo, ma assicura che la schiena rimanga asciutta. Permette una maggiore traspirazione per cm2 rispetto alle costruzioni tradizionali, riducendo la temperatura al centro della schiena di 1,6 ° C dopo 15 minuti, grazie alla sua ridotta area di contatto e ai canali d’aria 3D.

Per la stabilità e il controllo, il nostro sofisticato sistema a doppia compressione (TCS) prevede una compressione superiore e una inferiore, per una facile regolazione del volume, in modo da stabilizzare e centrare il carico in ogni momento. Gli spallacci, leggeri e dissociati, lasciano al braccio una maggiore mobilità per un’accresciuta libertà di movimento e riducono il contatto con il corpo, favorendo un maggiore comfort e maggiore flusso d’aria.

Il MTN TRAINER è dotato di una sacca anti-pioggia, tasche a maglie laterali di facile accesso, una daisy-chain, gancio porta bastoncini, taschina su cintura e altro ancora.

Testato a:
Dolomiti Paganella

Scopri di più

Prodotti Correlati

Potrebbero interessarti anche

Altracom s.a.s. di Alfredo Tradati – via Buonarroti 77 I-20063 Cernusco s/N (MI) – P.IVA 05019050961 – info@altracom.eu

Pin It on Pinterest

Ti piace?

Condividilo con i tuoi amici!